fra Damiano Angelucci”Eccentrici per amore “

Eccentrici per amoreCommento al Vangelo della XXI Domenica del TO/A - 23 agosto 2020  TESTO (Mt 16,13-20) In quel tempo, Gesù, giunto nella regione di Cesarèa di Filippo, domandò ai suoi discepoli: «La gente, chi dice che sia il Figlio dell’uomo?». Risposero: «Alcuni dicono Giovanni il Battista, altri Elìa, altri Geremìa o qualcuno dei profeti».Disse loro: …

Tonino Lasconi”Chi è per noi Gesù? Chi è per noi il Papa?”

XXI Domenica del Tempo Ordinario - Anno A - 2020La fede cristiana ci impegna a confrontarci anche con i fatti storici e concreti. Nel conosciutissimo brano di vangelo di questa domenica, Gesù, anticipando i tempi, organizza un breve sondaggio tra i suoi discepoli, ponendo due domande: 1. «La gente, chi dice che sia il Figlio dell'uomo?»; 2. …

don Roberto Seregni”Scavare nel cuore”

XXI domenica del Tempo Ordinario In quel tempo, essendo giunto Gesù nella regione di Cesarea di Filippo, chiese ai suoi discepoli: “La gente chi dice che sia il Figlio dell’uomo?”. Risposero: “Alcuni Giovanni il Battista, altri Elia, altri Geremia o qualcuno dei profeti”. Disse loro: “Voi chi dite che io sia?. Rispose Simon Pietro: “Tu …

don Marco Pozza”Ritorno di fiamma”

Commento XXI Domenica del Tempo Ordinario – Anno A Nessuna tigre perde il sonno per l'opinione di una pecora: «Alcuni dicono Giovanni Battista, altri Elìa, altri Geremia o qualcuno dei profeti» rispondono gli amici al Maestro che domanda loro che cosa pensi la gente di Lui. Sa bene che nulla è così deprimente come le chiacchiere, il …

#PANEQUOTIDIANO, LA GENTE, CHI DICE CHE SIA IL FIGLIO DELL’UOMO? MA VOI, CHI DITE CHE IO SIA?»

La Liturgia di Domenica 23 Agosto 2020   VANGELO (Mt 16,13-20) Commento:Rev. D. Joaquim MESEGUER García (Sant Quirze del Vallès, Barcelona, Spagna) In quel tempo, Gesù, giunto nella regione di Cesarèa di Filippo, domandò ai suoi discepoli: «Lagente, chi dice che sia il Figlio dell’uomo?». Risposero: «Alcuni dicono Giovanni il Battista, altri Elìa, altri Geremìa o …

DALLA COSTITUZIONE PASTORALE «GAUDIUM ET SPES» SPERANZA IN UN NUOVO MONDO MIGLIORE

Dalla Costituzione pastorale «Gaudium et spes» del Concilio ecumenico Vaticano II sulla Chiesa e il mondo contemporaneo(N. 39)Speranza in un nuovo mondo migliore     Ignoriamo il tempo in cui avranno fine la terra e l'umanità, e non sappiamo il modo con cui sarà trasformato l'universo. Passa certamente l'aspetto di questo mondo, deformato dal peccato. …