Tonino Lasconi”C’è un miracolo per ogni fame”

XVII Domenica del Tempo Ordinario (Anno B)  (25/07/2021) Vangelo: Gv 6,1-15 La nostra mano apre quella del Signore. La moltiplicazione dei pani e dei pesci è sicuramente uno degli episodi dei vangeli più straordinari e clamorosi – non per niente tutti e quattro gli evangelisti lo riferiscono, ciascuno aggiungendo particolari interessantissimi se letti in parallelo – non …

Don Paolo Scquizzato OMELIA XVII domenica del Tempo Ordinario

XVII Domenica del Tempo Ordinario (Anno B)  (25/07/2021) Vangelo: Gv 6,1-15 «Chiuso fra cose mortali / (Anche il cielo stellato finirà) / Perché bramo Dio?». Ungaretti percepisce che tutto non è ancora Tutto.E ancora: «Di che è mancanza questa mancanza, cuore, che a un tratto ne sei pieno?» (Mario Luzi). Il pane non basta alla fame dell’uomo: …

Don Marco Pedron”Un poco che è tutto”

XVII Domenica del Tempo Ordinario (Anno B)  (25/07/2021) Vangelo: Gv 6,1-15 Dal vangelo secondo Giovanni 6, 1-15 6,1Dopo questi fatti, Gesù passò all’altra riva del mare di Galilea, cioè di Tiberìade, 2e lo seguiva una grande folla, perché vedeva i segni che compiva sugli infermi. 3Gesù salì sul monte e là si pose a sedere con i suoi discepoli. 4Era vicina …

don Marco Pozza”Il pane e le brioches”

XVII Domenica del Tempo Ordinario (Anno B)  (25/07/2021) Vangelo: Gv 6,1-15 La soluzione era dietro l'angolo, ma ai discepoli pareva d'esser dentro una rotatoria: «Duecento denari di pane non son sufficienti neppure perché ognuno possa riceverne un pezzo», risposero al Cristo gli amici più fidati quando, un dì, domandò come potesse fare per riuscir a sfamare quella ciurma …

#PANEQUOTIDIANO, «LO SEGUIVA UNA GRANDE FOLLA»

La Liturgia di Domenica 25 Luglio 2021 VANGELO (Gv 6,1-15) Commento:Rev. D. Pere CALMELL i Turet (Barcelona, Spagna) Distribuì a quelli che erano seduti quanto ne volevano.+ Dal Vangelo secondo Giovanni In quel tempo, Gesù passò all’altra riva del mare di Galilea, cioè di Tiberìade, e lo seguiva una grande folla, perché vedeva i segni …

DALLE «OMELIE SULLA SECONDA LETTERA AI CORINZI» DI SAN GIOVANNI CRISOSTOMO”SOVRABBONDO DI GIOIA IN OGNI TRIBOLAZIONE”

Dalle «Omelie sulla seconda lettera ai Corinzi» di san Giovanni Crisostomo, vescovo(Om. 14, 1-2; PG 61, 497-499)Sovrabbondo di gioia in ogni tribolazione     Paolo riprende il discorso sulla carità, moderando l'asprezza del rimprovero. Dopo avere infatti biasimato e rimproverato i Corinzi per il fatto che, pur amati, non avevano corrisposto all'amore, anzi erano stati …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: