mons.Roberto Brunelli “Non vi sarà più notte”

II Domenica dopo Natale (02/01/2022) Vangelo: Gv 1,1-18 I vangeli del tempo natalizio, tratti dai primi capitoli di Matteo e di Luca, parlano della nascita di Gesù vista, per così dire, dal basso, nell'ottica terrena. Giovanni invece (vangelo di oggi 1,1-18) guarda "dall'alto" all'ingresso del Figlio di Dio nel mondo: manifesta i precedenti divini del … Leggi tutto mons.Roberto Brunelli “Non vi sarà più notte”

Don Marco Ceccarelli Commento II Domenica dopo Natale “C”

I Lettura: Sir 24,1-4.8-12II Lettura: Ef 1,3-6.15-18Vangelo: Gv 1,1-18 Testi di riferimento: 1Re 8,10-11; Pr 8,22; Sap 7,7; 9,1-2.13-17; Is 7,14; 9,5; 11,2; Ger 24,7;31,33-34; Ez 37,27; 43,1-5; Mt 28,20; Lc 1,31; Gv 14,26; Rm 8,28-29; 2Cor 4,6; Ef 2,12; Fil 3,10-14; Col 1,9.16; 2,2-3; 1Ts 5,8-9; Eb 1,3; 1Gv 3,2-3; 4,12; 5,20; Ap 21,3.23 … Leggi tutto Don Marco Ceccarelli Commento II Domenica dopo Natale “C”

Luca De Santis Commento II Domenica dopo Natale

II Domenica dopo Natale  (02/01/2022) Vangelo: Gv 1,1-18  Il Vangelo di questa domenica ci riporta nuovamente al giorno del Natale, per mantenere vivo in noi quanto abbiamo avuto modo di contemplare nel mistero dell’Incarnazione. Nel suo prologo, l’evangelista Giovanni ci ricorda il fondamento della storia della salvezza: Gesù non è stato un rimedio di Dio al comportamento … Leggi tutto Luca De Santis Commento II Domenica dopo Natale

#PANEQUOTIDIANO, «SI MISE ANCHE LEI A LODARE DIO E PARLAVA DEL BAMBINO»

La Liturgia di Giovedì 30 Dicembre 2021 VANGELO (Lc 2,36-40) Commento :Rev. D. Joaquim FLURIACH i Domínguez (St. Esteve de P., Barcelona, Spagna) [Maria e Giuseppe portarono il bambino a Gerusalemme per presentarlo al Signore.] C’era unaprofetessa, Anna, figlia di Fanuèle, della tribù di Aser. Era molto avanzata in età, aveva vissuto con il marito … Leggi tutto #PANEQUOTIDIANO, «SI MISE ANCHE LEI A LODARE DIO E PARLAVA DEL BAMBINO»

DAL TRATTATO «LA CONFUTAZIONE DI TUTTE LE ERESIE» DI SANT’IPPOLITO, “IL VERBO CHE S’È FATTO CARNE CI RENDE SIMILI A DIO”

Dal trattato «La confutazione di tutte le eresie» di sant'Ippolito, sacerdote(Cap. 10,33-34; PG 16,3452-3453)Il Verbo che s'è fatto carne ci rende simili a Dio     Noi crediamo al Verbo di Dio. Non ci appoggiamo su parole senza senso, né ci lasciamotrasportare da improvvise e disordinate emozioni o sedurre dal fascino di discorsi ben congegnati, … Leggi tutto DAL TRATTATO «LA CONFUTAZIONE DI TUTTE LE ERESIE» DI SANT’IPPOLITO, “IL VERBO CHE S’È FATTO CARNE CI RENDE SIMILI A DIO”