Battista Borsato “Un nuovo mondo nasce”

XXXIII Domenica del Tempo Ordinario (Anno C) (13/11/2022) Vangelo: Lc 21,5-19 In quel tempo mentre alcuni parlavano del tempio, che era ornato di belle pietre e di doni votivi,Gesù disse: “Verranno giorni nei quali, di quello che vedete, non sarà lasciata pietra su pietra chenon sarà distrutta”. Gli domandarono: “Maestro, quando dunque accadranno queste cose e qualesarà …

suor Chiara Curzel ” La domanda sulla fine”

XXXIII Domenica del Tempo Ordinario (Anno C) (13/11/2022) Vangelo: Lc 21,5-19 In questa XXXIII domenica del Tempo Ordinario le parole di Gesù ci portano a pensare alla fine, quella del mondo e quella della nostra vita: Lc 21,5-19. In quel tempo, mentre alcuni parlavano del tempio, che era ornato di belle pietre e di doni votivi, Gesù …

don Sandro De Gasperi “Attendiamo la pienezza del Regno”

Il cristiano non presta attenzione alla fine del mondo, perché è l’ospite sbagliato; attende il Cristo risorto XXXIII Domenica del Tempo Ordinario (Anno C) (13/11/2022) Vangelo: Lc 21,5-19 Salire – o peggio ancora, scendere – poggiando il piede su un sentiero malsicuro, o per il ghiaino infido o per il terreno cedevole, non è certo una bella …

Francesco Botta Commento XXXIII Domenica del Tempo Ordinario (Anno C)

XXXIII Domenica del Tempo Ordinario (Anno C) (13/11/2022) Vangelo: Lc 21,5-19 In questa trentatreesima domenica del tempo ordinario la liturgia ci presenta un vangelo complesso, non di immediata comprensione. Il vangelo non è mai prevedibile e nemmeno scontato. Questo ci ricorda che la buona notizia non risiede nell’assenza di complessità, ma abita il mare sconfinato del mistero. …

#PANEQUOTIDIANO, «BADATE DI NON LASCIARVI INGANNARE»

La Liturgia di Domenica 14 Novembre 2022  VANGELO (Lc 21,5-19) Commento:Rev. D. Joan MARQUÉS i Suriñach (Vilamarí, Girona, Spagna) In quel tempo, mentre alcuni parlavano del tempio, che era ornato di belle pietre e di doni votivi,Gesù disse: «Verranno giorni nei quali, di quello che vedete, non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà …

DAL «COMMENTO SUI SALMI» DI SANT’AGOSTINO”NON OPPONIAMO RESISTENZA ALLA PRIMA VENUTA PER NON DOVER POI TEMERE LA SECONDA

Dal «Commento sui salmi» di sant’Agostino, vescovo(Sal 95, 14. 15; CCL 39, 1351-1353)Non opponiamo resistenza alla prima venuta per non dover poi temere la seconda «Allora si rallegreranno gli alberi della foresta davanti al Signore che viene, perché viene a giudicare la terra» (Sal 95, 12-13). Venne una prima volta, e verrà ancora in futuro. …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: