don Giorgio Aresi “Dio è questo, è un incontro che cambia la vita, le dà senso e una direzione”

Ascensione del Signore (Anno C)  (29/05/2022) Vangelo: Lc 24,46-53 Abbiamo bisogno ogni giorno di prendere in mano la nostra fede e aprire il cuore alla fatica di riconoscere i segni della presenza di Dio Vorrei restare per sempre in un posto soloPer ascoltare il suono del tuo parlare […]Dimenticando il tempo troppo veloce […]Che l’oggi restasse oggi senza domaniO …

don Giorgio Aresi “Facile a dirsi, ma la decisione taglia”

Paolo, Barnaba, e gli Apostoli hanno bisogno di vedere insieme le cose per capire VI Domenica di Pasqua (Anno C)  (22/05/2022) Vangelo: Gv 14,23-29 Facile a dirsi, ma la decisione taglia come una lama affilata. Taglia tra “prima e dopo”, tra “questo e quello”, tra “ciò che scegli e ciò che non scegli”. È facile scegliere una …

don Giorgio Aresi “Dio mi ama, allora ci provo anch’io”

Riscoprire il senso della parola “Dio” V Domenica di Pasqua (Anno C)  (15/05/2022) Vangelo: Gv 13,31-35 Ritorna alla mente una battuta di Woody Allen, originariamente appartenente al drammaturgo Eugène Ionesco: «Dio è morto, Marx pure, e anche io non mi sento molto bene». Sono parole che ci fanno ricordare le parole dure di Nietzsche che annunciano la …

don Giorgio Aresi “Quanto è difficile riconoscere la “voce di Dio”

IV Domenica di Pasqua (Anno C) (08/05/2022) Vangelo: Gv 10,27-30 «Bisogna essere molto pazienti», rispose la volpe. «In principio tu ti siederai un po’ lontano da me, così nell’erba. Io ti guarderò con la coda dell’occhio e tu non dirai nulla. Le parole sono fonte di malintesi. Ma ogni giorno tu potrai sederti un po’ più vicino…».(A. …

don Giorgio Aresi “Pietro e gli altri hanno ritrovato il senso”

Quando tu arrivi fino ad un certo punto, Dio non smette di amarti, rallenta il passo sul tuo III Domenica di Pasqua (Anno C) (01/05/2022) Vangelo: Gv 21,1-19 Purtroppo, spesso si è cercato di oscurare la fede nella Risurrezione di Gesù, e anche fra gli stessi credenti si sono insinuati dubbi. Un po’ quella fede …

don Giorgio Aresi “Che cosa è accaduto in quell’istante?”

...il nostro cuore non è forse abitato da quel desiderio così vero di poterlo vedere con i nostri occhi? II Domenica di Pasqua (Anno C) (24/04/2022) Vangelo: Gv 20,19-31 Nessun uomo al mondo potrà mai dire che cosa sia accaduto veramente in quell’istante in cui Gesù Cristo dalla morte è ritornato in vita, è stato risuscitato dal …

don Giorgio Aresi “Ecco, io faccio una cosa nuova”

Quando comprendiamo davvero che l’unico sguardo che Dio ha su di noi è uno sguardo di amore e di verità V Domenica di Quaresima (Anno C)  (03/04/2022) Vangelo: Gv 8,1-11 E un giorno ripensi alla casa e non è più la stessain cui lento il tempo sciupavi quand’eri bambina,in cui ogni oggetto era un simbolo ed una …

don Giorgio Aresi “Non è un padrone, ma rimane suo padre”

Tutto ricevi come dono, perché c’è qualcuno che ha cura di te e che ti ha a cuore da sempre IV Domenica di Quaresima - Laetare (Anno C)  (27/03/2022) Vangelo: Lc 15,1-3.11-32 Arthur: «Chi sei tu per dirmi cosa devo pensare?».Merlin: «Sono vostro amico».Arthur: «No, Merlino, tu sei il mio servitore».(Merlin, Serie TV BBC 2008, Stagione 1 …

don Giorgio Aresi “L’aiuto di una rivelazione divina”

III Domenica di Quaresima (Anno C)  (20/03/2022) Vangelo: Lc 13,1-9  Platone è un nome che qualcuno dirà sicuramente qualcosa; forse è il più grande filosofo antico, il nome più importante della filosofia greca. Vissuto 300 anni prima che nascesse Gesù Cristo, non era ebreo… e nemmeno cristiano, ovviamente. E in uno dei suoi Dialoghi a un certo punto scrive queste …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: