don Roberto Seregni”Tra cielo e terra”

Tra cielo e terra – Giovanni 10,1-10

Quarta Domenica di Pasqua

In quel tempo Gesù disse: “In verità, in verità io vi dico: chi non entra nel recinto delle pecore dalla porta, ma vi sale da un’altra parte, è un ladro e un brigante. Chi invece entra dalla porta, è pastore delle pecore. Il guardiano gli apre e le pecore ascoltano la sua voce: egli chiama le sue pecore, ciascuna per nome, e le conduce fuori. E quando ha spinto fuori tutte le sue pecore, cammina davanti a esse, e le pecore lo seguono perché conoscono la sua voce. Un estraneo invece non lo seguiranno, ma fuggiranno via da lui, perché non conoscono la voce degli estranei”. Gesù disse loro questa similitudine, ma essi non capirono di che cosa parlava loro.
Allora Gesù disse loro di nuovo: “In verità, in verità io vi dico: io sono la porta delle pecore. Tutti coloro che sono venuti prima di me, sono ladri e briganti; ma le pecore non li hanno ascoltati. Io sono la porta: se uno entra attraverso di me, sarà salvato; entrerà e uscirà e troverà pascolo. Il ladro non viene se non per rubare, uccidere e distruggere; io sono venuto perché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza.

Questo è uno di quei brani del Vangelo che vanno letti sottovoce, letti e riletti per gustarne tutta la bellezza e lasciarsi sorprendere dalla inattesa novitá delle parole di Gesú.
Il pastore è descritto con 5 caratteristiche: entra per la porta, chiama per nome le pecore, le conduce fuori, cammina davanti a loro e dà vita in abbondanza. È bello pensare a un Dio cosí, un Dio che non si nasconde, che ci conosce uno a uno, che ci vuole liberi e veri, che ci accompagna e cammina con noi per regalarci bellezza e felicitá.
Mentre le pecore sono descritte con 3 caratteristiche: riconoscono e ascoltano la voce del pastore e lo seguono. È una definizione molto bella di come dovrebbe essere un discepolo. Gesú ci vuole cosí: allenati a riconoscere la sua Parola tra le mille assordanti grida che ci stordiscono e pronti seguire i suoi passi. Ovunque.
E poi c’è il ladro che ruba, immola e distrugge. Il nemico è sempre all’opera: ruba la parola seminata nei nostri cuori, immola e distrugge con la forza tremenda della paura e la tentazione viscida dell’orgoglio.
In pochi versetti troviamo una sintesi bellissima dell’esperienza cristiana, ma l’immagine che sta al centro del nostro brano è quella della porta.
Le pecore stanno nel recinto di notte, ma quando sorge il sole devono uscire. Gesú ha detto “Io sono la luce del mondo” (Gv 8, 12), lui è il sole che brilla nell’oscuritá della notte. Lui è la porta attraverso la quale possiamo uscire dalle tenebre della schiavitú verso la luce della vita. Lui è la porta tra cielo e terra, la porta innalzata sul calvario con il legno della croce, la porta per uscire dalla schiavitú e scappare dalla prigionia dei falsi pastori, la porta sempre aperta della misericordia, del perdono, dell’amore.

No, non bussare.
Quella porta è sempre aperta.
Lui ti sta aspettando.

Un abbraccio, don Roberto

Fonte:https://sullatuaparola.wordpress.com/


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...