fra Damiano Angelucci “Prossima fermata: Paradiso”

I Domenica di Avvento (Anno A)  (27/11/2022)

Vangelo: Mt 24,37-44

Commento

I Domenica di Avvento: la narrazione di un fatto passato, l’annuncio di un evento di salvezza, e un’esortazione a prepararsi di conseguenza. Così possiamo sintetizzare il Vangelo di questa prima domenica di Avvento e quindi del nuovo anno liturgico.
Ai tempi di Noè – attenzione: stiamo parlando di un racconto simbolico che non racconta fatti storici, ma narra delle verità in forma simbolica – ai tempi di Noè, dicevo, l’umanità era totalmente addormentata nel male, e Dio che non sopportava di vederla totalmente persa, ne salva un piccolo gruppo, chiedendo a Noè di fare quella ormai celebre imbarcazione di fortuna: l’arca.  Questo il racconto della storia passata, ma sempre attuale…

…Così attuale che Gesù è venuto ad annunciare una salvezza più decisiva. Siccome continua ad esserci gente addormentata nel male, con la coscienza anestetizzata, totalmente disabituata a distinguere il male dal bene, egli – dopo essersi fatto uomo e offerto in sacrifico al Padre in nostro favore – tornerà a prendere e portare nel suo Regno chi ha saputo riconoscere la sua umile comparsa nel mondo e il suo annuncio di perdono. Tanti uomini lavorano, trafficano, mangiano e bevono senza amore nel cuore. Però ci sono anche quelli che, pur facendo le stesse cose – lavorare, trafficare, mangiare e bere – hanno accolto Gesù nella sua prima venuta e si sono imbarcati in un’altra scialuppa di salvataggio che nel frattempo è stata preparata, un’altra arca di salvezza: il suo corpo spirituale, la Chiesa, l’insieme di coloro che in Cristo sono stati battezzati: tutti coloro che, nutriti dalla sua grazia e dal suo amore, cercano – o quanto meno dovrebbero cercare –  di vivere i suoi stessi atteggiamenti di misericordia. In questo tempo storico, quindi tra la sua prima e seconda-definitiva venuta siamo in navigazione verso un porto di definitiva salvezza. A volte sembrerà di essere in alto mare, però questa arca, la Chiesa, vi assicuro, non affonderà mai. C’è un timoniere divino! 

Dicevo poi di un’esortazione finale, sì: quella di non addormentarsi, o se volete, di non lasciarsi cader in mare interrompendo la navigazione. Il porto sospirato comparirà prima o poi all’orizzonte, e questa barca, pur con tante falle, non solo non affonderà mai, ma arriverà a destinazione. Dunque, buona navigazione!

Fonte:http://fradamiano.blogspot.com/


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: