Mons Angelo Sceppacerca Commento Domenica 15 gennaio

II Domenica del Tempo Ordinario (Anno A)  (15/01/2023)

Vangelo: Gv 1,29-34  🏠

In quel tempo, Giovanni, vedendo Gesù venire verso di lui, disse: «Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo! Egli è colui del quale ho detto: “Dopo di me viene un uomo che è avanti a me, perché era prima di me”. Io non lo conoscevo, ma sono venuto a battezzare nell’acqua, perché egli fosse manifestato a Israele».
Giovanni testimoniò dicendo: «Ho contemplato lo Spirito discendere come una colomba dal cielo e rimanere su di lui. Io non lo conoscevo, ma proprio colui che mi ha inviato a battezzare nell’acqua mi disse: “Colui sul quale vedrai discendere e rimanere lo Spirito, è lui che battezza nello Spirito Santo”. E io ho visto e ho testimoniato che questi è il Figlio di Dio».

Dopo il Prologo, che mostrava il Verbo nelle profondità di Dio, egli stesso Dio, prima di ogni origine e principio di tutte le cose, oggi parla Giovanni Battista, il testimone della Parola di Dio, che la addita presente in mezzo agli uomini nel volto di Gesù. Non c’è il racconto del battesimo – già avvenuto – ma c’è la consapevolezza di chi è l’agnello di Dio. Anche per noi il battesimo è già passato, ma lo abbiamo capito?

Nel vangelo di questa domenica c’è l’eco del Battesimo di Gesù. Giovanni lo addita come l’Agnello di Dio, “colui che toglie il peccato del mondo”. Siamo all’inizio della vita pubblica di Gesù, ma anche all’inizio del quarto Vangelo, subito dopo il “Prologo”. È come se dopo la vertiginosa introduzione teologica (“In principio era il Verbo…”) ne seguisse la traduzione nel linguaggio della storia, della testimonianza di chi ha visto scendere e rimanere su quell’uomo lo Spirito di Dio e questa è la prova della superiorità di Gesù, riconosciuto e additato come il Messia-Salvatore del mondo perché ne cancella il peccato.

La testimonianza di Giovanni nasce dall’esperienza di “aver visto”, perciò è valida e assodata. Come certa è la testimonianza che Gesù darà di sé a Nicodemo circa il rapporto col Padre che ha visto e continua a vedere. È Gesù, dunque, l’unico testimone delle realtà divine, perché egli solo vede Dio.

Il dito di Giovanni ci indica Gesù, l’agnello eletto, vittima per estirpare il peccato del mondo e agnello pasquale esaltato sulla croce. L’agnello toglie il peccato perché lo prende su di sé. Il peccato del mondo è chiamato al singolare perché è il grande peccato, l’origine di ogni peccato, la comunione spezzata, le nozze infrante, l’esilio ad una distanza umanamente incolmabile, che solo Dio può estinguere. E solo l’Agnello immolato la può estinguere, perché compie il sacrificio d’amore dell’Innocente. Il peccato è del mondo perché è l’amaro che invade il creato, senza eccezioni.

Anche noi testimoni, come Giovanni, additiamo Gesù agli altri con la vita e con la parola. Lo ha ricordato l’ultimo Concilio dicendo che i cristiani, con l’esempio della vita e la testimonianza della parola, manifestano l’uomo nuovo di cui sono stati rivestiti nel battesimo.

Anche noi, immersi nel Signore, vediamo e sentiamo lo Spirito, vero maestro interiore e facciamo l’esperienza descritta nella Gaudium et spes: “Le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce degli uomini d’oggi, dei poveri soprattutto e di tutti coloro che soffrono, sono pure le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce dei discepoli di Cristo, e nulla vi è di più genuinamente umano che non trovi eco nel loro cuore. La loro comunità, infatti, è composta di uomini, i quali, riuniti insieme nel Cristo, sono guidati dallo Spirito Santo nel loro pellegrinaggio verso il regno del Padre e hanno ricevuto un messaggio di salvezza da proporre a tutti”. È forte la sensazione che questo brano del Concilio sia stato scritto quel giorno lì, sulle rive del Giordano, accanto a Giovanni il Battista. Certamente è lo Spirito sceso su Gesù che lo ha ispirato.

Gesù è “l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo!”. Per togliere i peccati, il popolo ebreo aveva bisogno di un tempio e di un agnello. Quando ci fu la Pasqua definitiva, celebrata da Gesù, egli non ebbe né tempio, né agnello. Fu lui stesso il vero agnello e il tempio vivo nel quale Dio abita e si fa incontrare.

Mons Angelo Sceppacerca15 gennaio 2023

Fonte:https://www.diocesitrivento.it/