fra Damiano Angelucci “Nuovi parametri di salvataggio”

III Domenica del Tempo Ordinario – Anno A
Mt 4,12-23  🏠

Nel tempo di Natale abbiamo più volte sentito l’annuncio “Il Verbo si è fatto carne”. Cioè il Figlio di Dio, proprio lui, la sua parola, ha preso dimora e carne nella nostra umanità. La storia ci dice che la Galilea era un luogo disprezzato dagli ebrei perché inquinato dall’infiltrazione di altre religioni e culture, e perché gli ebrei che qui erano ritornati dalla deportazione assira del 722 a.C. avevano introdotto usi non ortodossi.
Per tale ragione Gesù parlando di sé dirà. “Il Figlio dell’uomo è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto” (Mt 19,10) e anche “io non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori a conversione” (Lc 5,32). Egli, infatti, non è il premio di chi è buono, ma la medicina e la guarigione di chi sa di non esserlo. Egli non invita alla conversione affinché il regno dei cieli si avvicini come se tale evento dipendesse da noi, ma dice piuttosto il contrario: “Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino”. La vicinanza del regno di cieli, o di Dio, cioè la vicinanza della potenza invincibile del suo amore, che si rende concreta nella persona di Gesù, rende possibile e vantaggiosa la conversione della nostra impostazione religiosa. Ciò che servirà quindi non è più la ricerca di una nostra giustizia, basata sulla legge, ma l’accoglienza della salvezza di Cristo, basata sulla Gratuità della sua misericordia, con una vita che la manifesti al prossimo.

Fonte:http://fradamiano.blogspot.com/


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...