p. José María CASTILLO”AMATE I VOSTRI NEMICI”

VII TEMPO ORDINARIO – 23 febbraio 2020 – Commento al Vangelo
AMATE I VOSTRI NEMICI

di p. José María CASTILLO

Mt 5,38-48
[In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:] «Avete inteso che fu detto: “Occhio per occhio e dente per dente”. Ma io vi dico di non opporvi al malvagio; anzi, se uno ti dà uno schiaffo sulla guancia destra, tu pórgigli anche l’altra, e a chi vuole portarti in tribunale e toglierti la tunica, tu lascia anche il mantello. E se uno ti costringerà ad accompagnarlo per un miglio, tu con lui fanne due. Da’ a chi ti chiede, e a chi desidera da te un prestito non voltare le spalle. Avete inteso che fu detto: “Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico”. Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti. Infatti, se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani? Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste».Questo vangelo è fondamentale per comprendere il Vangelo. E quindi per poterlo vivere. Per un motivo così semplice da dirlo e difficile da metterlo in pratica. Il nodo della questione sta in questo: il centro e l’essenza del messaggio di Gesù consistono nella BONTA’. A patto che la bontà si intenda come un atteggiamento fondamentale nella vita, nella società e davanti agli altri.La negazione della BONTA’ e l’opposizione radicale alla stessa è la VIOLENZA. La bontà non si raggiunge condannando la violenza. E non ci liberiamo dalla violenza spiegando perché si verifica o analizzandone le cause e le conseguenze. Tutto questo normalmente facciamo di fronte alla brutale violenza che ci minaccia, ci opprime e ci causa tanta sofferenza. Ma non per questo la eliminiamo. Perché?La violenza deriva dal “desiderio”, che Dio proibisce nel decimo comandamento (Es 20,17). Il desiderio di quello che non ci appartiene si trasforma in cupidigia. E la cupidigia del potente “distrugge” il debole. Questi meccanismi della nostra dis-umanizzazione sono quelli che hanno causato la crisi economica, sociale, politica, culturale ed umana che stiamo soffrendo. Soluzione? Si cerca nell’«ordine» economico, politico, sociale, etico, legale, religioso……Ma il problema sta nel fatto che l’ordine non si raggiunge senza proibire e castigare, senza reprimere e minacciare. Ossia, come “la violenza genera il caos, l’ordine genera violenza”. Questa dilemma non ha soluzione (Wolfgang Sofsky). Per questo la violenza si reprime e rinasce allo stesso tempo e con la stessa forza. Cosa fare allora? Se chiamiamo Dio il determinante ultimo che dà senso alle nostre vite, quello che Gesù ci offre come soluzione è cercare e trovare Dio nella BONTA’. Solo la bontà disarma la violenza, annulla la violenza, ristabilisce la pace e la convivenza. In questo si trova la soluzione. E il nostro futuro.

Fonte:https://www.ildialogo.org/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...