Monastero Matris Domini Lectio “Sorgente di acqua che zampilla per la vita eterna”

III Domenica di Quaresima – Anno A
Gv 4,5-42
Dal Vangelo secondo Giovanni
Sorgente di acqua che zampilla per la vita eterna.


In quel tempo, Gesù 5
giunse a una città della Samaria chiamata Sicar, vicina al terreno che Giacobbe aveva
dato a Giuseppe suo figlio: 6
qui c’era un pozzo di Giacobbe. Gesù dunque, affaticato per il viaggio, sedeva
presso il pozzo. Era circa mezzogiorno. 7Giunge una donna samaritana ad attingere acqua. Le dice Gesù:
“Dammi da bere”. 8
I suoi discepoli erano andati in città a fare provvista di cibi. 9
Allora la donna samaritana
gli dice: “Come mai tu, che sei giudeo, chiedi da bere a me, che sono una donna samaritana?”. I Giudei
infatti non hanno rapporti con i Samaritani.
10Gesù le risponde: “Se tu conoscessi il dono di Dio e chi è colui che ti dice: “Dammi da bere!”, tu avresti
chiesto a lui ed egli ti avrebbe dato acqua viva”. 11Gli dice la donna: “Signore, non hai un secchio e il pozzo è
profondo; da dove prendi dunque quest’acqua viva? 12Sei tu forse più grande del nostro padre Giacobbe, che
ci diede il pozzo e ne bevve lui con i suoi figli e il suo bestiame?”. 13Gesù le risponde: “Chiunque beve di
quest’acqua avrà di nuovo sete; 14ma chi berrà dell’acqua che io gli darò, non avrà più sete in eterno. Anzi,
l’acqua che io gli darò diventerà in lui una sorgente d’acqua che zampilla per la vita eterna”. 15″Signore – gli
dice la donna -, dammi quest’acqua, perché io non abbia più sete e non continui a venire qui ad attingere
acqua”. 16Le dice: “Va’ a chiamare tuo marito e ritorna qui”.
17Gli risponde la donna: “Io non ho marito”. Le dice Gesù: “Hai detto bene: “Io non ho marito”. 18Infatti hai
avuto cinque mariti e quello che hai ora non è tuo marito; in questo hai detto il vero”.
19Gli replica la donna: “Signore, vedo che tu sei un profeta! 20I nostri padri hanno adorato su questo monte;
voi invece dite che è a Gerusalemme il luogo in cui bisogna adorare”. 21Gesù le dice: “Credimi, donna, viene
l’ora in cui né su questo monte né a Gerusalemme adorerete il Padre. 22Voi adorate ciò che non conoscete,
noi adoriamo ciò che conosciamo, perché la salvezza viene dai Giudei. 23Ma viene l’ora – ed è questa – in cui i
veri adoratori adoreranno il Padre in spirito e verità: così infatti il Padre vuole che siano quelli che lo
adorano. 24Dio è spirito, e quelli che lo adorano devono adorare in spirito e verità”. 25Gli rispose la donna:
“So che deve venire il Messia, chiamato Cristo: quando egli verrà, ci annuncerà ogni cosa”. 26Le dice Gesù:
“Sono io, che parlo con te”.
27In quel momento giunsero i suoi discepoli e si meravigliavano che parlasse con una donna. Nessuno
tuttavia disse: “Che cosa cerchi?”, o: “Di che cosa parli con lei?”. 28La donna intanto lasciò la sua anfora,
andò in città e disse alla gente: 29″Venite a vedere un uomo che mi ha detto tutto quello che ho fatto. Che
sia lui il Cristo?”. 30Uscirono dalla città e andavano da lui.
31Intanto i discepoli lo pregavano: “Rabbì, mangia”. 32Ma egli rispose loro: “Io ho da mangiare un cibo che
voi non conoscete”. 33E i discepoli si domandavano l’un l’altro: “Qualcuno gli ha forse portato da
mangiare?”. 34Gesù disse loro: “Il mio cibo è fare la volontà di colui che mi ha mandato e compiere la sua
opera. 35Voi non dite forse: “Ancora quattro mesi e poi viene la mietitura”? Ecco, io vi dico: alzate i vostri
occhi e guardate i campi che già biondeggiano per la mietitura. 36Chi miete riceve il salario e raccoglie frutto
per la vita eterna, perché chi semina gioisca insieme a chi miete. 37In questo infatti si dimostra vero il
proverbio: uno semina e l’altro miete. 38Io vi ho mandati a mietere ciò per cui non avete faticato; altri hanno
faticato e voi siete subentrati nella loro fatica”.
39Molti Samaritani di quella città credettero in lui per la parola della donna, che testimoniava: “Mi ha detto
tutto quello che ho fatto”. 40E quando i Samaritani giunsero da lui, lo pregavano di rimanere da loro ed egli
rimase là due giorni. 41Molti di più credettero per la sua parola 42e alla donna dicevano: “Non è più per i tuoi
discorsi che noi crediamo, ma perché noi stessi abbiamo udito e sappiamo che questi è veramente il
salvatore del mondo”.
Collocazione del brano
Nella terza, quarta e quinta domenica di Quaresima l’evangelista Matteo lascia il posto a Giovanni con tre
brani che sono stati utilizzati dalla Chiesa delle origini per la catechesi di coloro che avrebbero ricevuto il
battesimo nella notte di Pasqua. Si tratta di tre brani piuttosto impegnativi: la Samaritana, il cieco nato e la
risurrezione di Lazzaro.
2
Il vangelo di Giovanni, dopo i segni del miracolo delle nozze di Cana (2,1-12) e della purificazione del
Tempio, racconta dell’incontro di Gesù con alcuni personaggi particolari: Nicodemo, che rappresenta la
Legge e le guide di Israele, la Samaritana (i non giudei), il funzionario regio (il potere politico). L’incontro
con ognuno di questi personaggi metterà in luce alcuni aspetti particolari della persona di Gesù.
Lectio
In quel tempo, Gesù 5
giunse a una città della Samaria chiamata Sicar, vicina al terreno che Giacobbe
aveva dato a Giuseppe suo figlio:
La città della Samaria di cui si parla è probabilmente l’attuale Askar, ai piedi dell’Ebal; aveva preso il posto
di Sichem, distrutta nel 128 e nel 107 a.C. e ricostruita poi dopo il 72 d.C. con il nome di Flavia Neapolis,
oggi Nablus. Ma al narratore non importa tanto la città quanto il ricordare che Gesù si ferma in un luogo
che era stato del patriarca Giacobbe. Si vedrà subito il perché.
6
qui c’era un pozzo di Giacobbe. Gesù dunque, affaticato per il viaggio, sedeva presso il pozzo. Era circa
mezzogiorno.
L’evangelista parla di una fonte e ciò ci richiama subito a quanto Gesù dirà tra pochi versetti a riguardo di
una fonte che disseta per sempre. Però l’indicazione geografica è reale. Secondo una leggenda rabbinica
Giacobbe aveva compiuto un miracolo: avrebbe fatto traboccare oltre l’orlo del pozzo un’acqua
abbondante. Ancora Giovanni ambientando un episodio vicino a un pozzo si pone in un tema letterario
biblico patriarcale. In una regione in cui l’acqua è scarsa, i punti in cui essa sgorga diventano luoghi
privilegiati di incontro, di conflitti e riconciliazioni, di antichi ricordi e leggende. Mosé aveva incontrato le
figlie di Reuel (una di loro sarebbe poi divenuta sua sposa); le nozze di Isacco e di Giacobbe erano state
combinate accanto a un pozzo. Anche dal punto di vista della teologia ebraica il pozzo assume grande
rilievo. Vi è una tradizione giudaica, che Paolo riprende in 1Cor 10,1-4, in cui la fonte d’acqua donata da Dio
addirittura seguiva il popolo di Israele nel deserto.
Le altre indicazioni di questo versetto si ritrovano anche in un testo di Giuseppe Flavio (autore ebreo del I
secolo d.C.) che descrive Mosè dopo la sua fuga dal faraone. Anche Mosè era stanco, assetato e accaldato e
a mezzogiorno si sedette accanto alla fonte (Antichità Giudaiche II, 254ss). L’indicazione dell’ora sesta,
mezzogiorno, potrebbe essere in antitesi con l’incontro che Gesù ha avuto con Nicodemo al capitolo
precedente del vangelo di Giovanni. Nicodemo era venuto da Gesù di notte e aveva avuto con lui un
dialogo alquanto differente da quello della Samaritana (cf Gv 3,2). L’ora sesta è anche un richiamo al
momento in cui Gesù viene definitivamente condannato alla crocifissione (Gv 19,14-15).
7Giunge una donna samaritana ad attingere acqua. Le dice Gesù: “Dammi da bere”.
Questa donna rappresenta il suo popolo, i samaritani che hanno sete di qualcosa e vengono al pozzo del
loro padre Giacobbe. La donna stessa rivela questa attesa del suo popolo: “Verrà il Messia che ci rivelerà
tutto”. Chiedendo da bere Gesù manifesta che ha sete come un qualunque uomo che vuole assicurarsi la
vita. Però le sue parole sono le stesse che si trovano nel libro dell’Esodo, quando il popolo chiede da bere a
Mosè (Es 17,2 e Nm 21,16). Gesù, nuovo Israele, sperimenta la sete del popolo, la sete che non è solo
materiale, ma è sete della parola di Dio, come ne hanno parlato i profeti (Am 8,11).
8
I suoi discepoli erano andati in città a fare provvista di cibi.
Questo inciso sottolinea il fatto che Gesù è da solo. E’ lui che semina la fede nel cuore della samaritana e
poi dei suoi compaesani.
9
Allora la donna samaritana gli dice: “Come mai tu, che sei giudeo, chiedi da bere a me, che sono una
donna samaritana?”. I Giudei infatti non hanno rapporti con i Samaritani.
Gesù si è rivolto alla samaritana su un piano di parità. Questo desta la sorpresa della samaritana. Gesù
infatti, come ci spiega Giovanni, rivolgendo la parola alla samaritana, ha infranto una delle regole essenziali
vigenti tra questi due popoli.
10Gesù le risponde: “Se tu conoscessi il dono di Dio e chi è colui che ti dice: “Dammi da bere!”, tu avresti
chiesto a lui ed egli ti avrebbe dato acqua viva”.
3
Gesù non accetta la provocazione di tipo etnico e cerca di indirizzare l’attenzione della donna su qualcosa di
più fondamentale. La differenza tra i due tipi di acqua non è tanto sul fatto dell’essere acqua viva (anche il
pozzo di Giacobbe dava acqua viva). In questo senso Gesù riesce a ‘imbrogliare’ la donna.
11Gli dice la donna: “Signore, non hai un secchio e il pozzo è profondo; da dove prendi dunque
quest’acqua viva? 12Sei tu forse più grande del nostro padre Giacobbe, che ci diede il pozzo e ne bevve lui
con i suoi figli e il suo bestiame?”.
La reazione della donna parte dall’ultimo elemento, l’acqua viva, per poi risalire all’identità di Gesù (chi sei?
sei più grande di Giacobbe?). Sembra non aver sentito l’elemento più importante: se tu conoscessi il dono
di Dio… Però quel suo “da dove” ha un significato molto importante nel vangelo di Giovanni, connesso al
mistero di Gesù stesso. Inoltre il lettore sa bene da dove egli trarrà quest’acqua viva, cioè dal suo costato
trafitto (Gv 19,34).
La samaritana chiede a Gesù se è più grande di Giacobbe. Altri gli faranno una domanda analoga: sei più
grande di Abramo? (Gv 8,56) e altrove egli viene messo in contrapposizione con Mosè (6,32). E’ un tema
ricorrente in Giovanni, che sottolinea la superiorità di Gesù rispetto ai padri del popolo eletto, senza con ciò
sminuire la loro importanza nella storia della salvezza.
13Gesù le risponde: “Chiunque beve di quest’acqua avrà di nuovo sete; 14ma chi berrà dell’acqua che io gli
darò, non avrà più sete in eterno. Anzi, l’acqua che io gli darò diventerà in lui una sorgente d’acqua che
zampilla per la vita eterna”.
Ancora Gesù non risponde direttamente alla donna, bensì decanta le qualità della sua acqua. Per fare
questo si pone sull’elemento dell’avere ancora sete e del non avere più sete. Allo stesso modo
contrapporrà la manna al pane che egli darà (Gv 6,49ss). Se quest’acqua toglierà per sempre la sete egli è
davvero più grande del patriarca Giacobbe. C’era un’acqua promessa da Ezechiele che avrebbe purificato i
cuori (Ez 36,25-27), questa è un’acqua ancora più significativa: zampilla per la vita eterna. Rappresenta un
modo nuovo e permanente di esistenza. L’acqua diventa vita eterna, sale e sgorga di continuo, simbolo
della vita dell’uomo che dipende da Dio. Ancora un testo samaritano identificava l’acqua e la Legge. L’acqua
pura di Ez 36 è lo Spirito, che si identificherà con la legge interiore, perché è lo Spirito che renderà possibile
l’obbedienza alla Torah.
15″Signore – gli dice la donna -, dammi quest’acqua, perché io non abbia più sete e non continui a venire
qui ad attingere acqua”.
In poche battute Gesù ha provocato un inversione. Ora è la donna che ha sete e non lui. Forse la domanda
della samaritana è ancora legata alla sua esperienza materiale, l’acqua quotidiana, però al tempo stesso
può esprimere una richiesta più profonda, un’attesa, una sete che può essere colmata solo da Gesù. Si
ritorna qui all’espressione iniziale di Gesù: “Se tu conoscessi il dono di Dio”. Dono di Dio era il pozzo che
accompagnava Israele nel deserto. Gesù realizza un identificazione di sé con il pozzo: è lui il “dono di Dio”.
Dio è favorevole agli uomini, vuole appagarli pienamente. Con queste parole Gesù invita la samaritana a
risalire dal pozzo a Dio stesso, al Dio che ama e che dona. Lo stesso movimento lo chiederà nel capitolo 6 ai
galilei per i quali ha moltiplicato il pane. Anch’essi diranno “Dacci questo pane!”.
16Le dice: “Va’ a chiamare tuo marito e ritorna qui”. 17Gli risponde la donna: “Io non ho marito”. Le dice
Gesù: “Hai detto bene: “Io non ho marito”. 18Infatti hai avuto cinque mariti e quello che hai ora non è tuo
marito; in questo hai detto il vero”.
Questa digressione sul passato della donna sembra alquanto fuori luogo. Inoltre vi sono delle incongruenze:
secondo la legge si potevano contrarre al massimo tre matrimoni. Forse prevale in questo dialogo il senso
allegorico. I cinque mariti potrebbero essere i cinque déi introdotti in Samaria dopo la conquista assira del

  1. Quindi non sarebbe fuori luogo il fatto che il discorso continui parlando di luoghi di culto. La
    samaritana con i suoi cinque mariti, e il sesto che non è suo marito, sarebbe l’allegoria della Samaria che
    viene esortata da Gesù a chiamare JHWH come suo vero marito, come suo vero Dio.
    Ciò non esclude anche una vera rappresentazione della situazione della donna. Gesù si presenta a lei come
    il vero marito che cerca e che non ha ancora trovato, la vera risposta alla sua sete più profonda.
    19Gli replica la donna: “Signore, vedo che tu sei un profeta! 20I nostri padri hanno adorato su questo
    monte; voi invece dite che è a Gerusalemme il luogo in cui bisogna adorare”.
    4
    La donna vedendo che Gesù ha delle capacità superiori alla norma gli sottopone un problema che stava a
    cuore a lei come a tutto il suo popolo. I Samaritani avevano continuato ad adorare il Signore sul monte
    Garizim, a tre km da Sichem, poiché in quel luogo il Signore aveva benedetto Israele (Dt 11,29). Ancora in
    quel luogo era avvenuta la visione di Giacobbe (Gn 28,17). Essi avevano continuato a venerare il Signore in
    questo luogo anche dopo l’unificazione del culto a Gerusalemme. Vi era una domanda in sospeso nel
    popolo di Samaria, quella sulla validità del proprio culto e questa domanda avrebbe trovato risposta nel
    Messia che anch’essi attendevano.
    21Gesù le dice: “Credimi, donna, viene l’ora in cui né su questo monte né a Gerusalemme adorerete il
    Padre. 22Voi adorate ciò che non conoscete, noi adoriamo ciò che conosciamo, perché la salvezza viene
    dai Giudei.
    Gesù sottolinea ciò che sta per dire con un solenne “credimi”. La rivelazione è molto importante. C’è una
    novità che è imminente, e viene espressa con un crescendo (viene l’ora… l’ora è adesso). Non ci sarà più un
    luogo particolare in cui si adorerà il Signore. Non si abolirà il culto, ma esso verrà realizzato essenzialmente
    attraverso la lode. I samaritani non lo sanno, la salvezza verrà dai giudei. E’ il popolo di Giuda che è il
    destinatario del disegno di salvezza di Dio, il Salvatore è nato da questo popolo.
    23Ma viene l’ora – ed è questa – in cui i veri adoratori adoreranno il Padre in spirito e verità: così infatti il
    Padre vuole che siano quelli che lo adorano. 24Dio è spirito, e quelli che lo adorano devono adorare in
    spirito e verità”.
    Viene l’ora, è adesso, con la presenza di Gesù stesso. E’ già giunta l’ora in cui adorare il Padre da veri
    adoratori. Qui non ci si ferma più a un popolo in particolare, ma a tutti coloro che sapranno adorare il Padre
    in questa nuova dimensione. In Spirito significa proprio alla presenza dello Spirito che ha rigenerato il
    credente nel battesimo. In Verità si riferisce alla rivelazione portata da Gesù: l’adorazione del Padre
    richiede l’aver accolto il Verbo, aver riconosciuto Gesù come il Figlio di Dio. L’acqua viva si riaggancia
    all’adorazione poiché è simbolo della rivelazione di Gesù.
    Dio è Spirito: Dio si può cogliere solo attraverso le sue manifestazioni all’uomo. La sua relazione verso
    l’uomo si realizza attraverso lo Spirito. Ciò che Dio chiede in cambio è la lode dell’uomo, che si può
    rivolgere a Dio ancora tramite lo Spirito.
    25Gli rispose la donna: “So che deve venire il Messia, chiamato Cristo: quando egli verrà, ci annuncerà
    ogni cosa”.
    Lo stesso verbo dell’ora che deve venire (erkhetai) viene usato per il Messia che deve venire. I samaritani
    attendevano l’arrivo di qualcuno che doveva tornare. Forse era lo stesso Messia che attendevano i giudei o
    un profeta che avrebbe rivelato gli ultimi segreti divini (cf. Es 20,21b, Dt 18,15).
    26Le dice Gesù: “Sono io, che parlo con te”.
    Gesù si manifesta apertamente. A nessuno mai si è rivelato in questo modo, se non alla samaritana. Egli
    risponde all’attesa di questa donna.
    27In quel momento giunsero i suoi discepoli e si meravigliavano che parlasse con una donna. Nessuno
    tuttavia disse: “Che cosa cerchi?”, o: “Di che cosa parli con lei?”.
    I discepoli che sono arrivati dalla città si meravigliano che lui parli con una donna e non tanto con una
    samaritana. La seconda domanda dovrebbe essere più propriamente “Di che cosa le stai parlando?”.
    28La donna intanto lasciò la sua anfora, andò in città e disse alla gente:
    Alla rivelazione di Gesù come Messia la samaritana non professa la sua fede, però va subito in città a dire
    agli altri di aver incontrato una persona speciale. Perché la donna lascia la brocca? Non tanto per la fretta,
    come è stato interpretato da Origene e da altri autori antichi. Ella lascia la brocca che le serviva per
    attingere l’acqua del pozzo di Giacobbe perché ha trovato l’acqua viva di cui Gesù le ha parlato, grazie a
    quest’acqua lei non ha più avuto sete e non ha avuto più bisogno della brocca per venire ad attingere. Dopo
    che Gesù le ha detto di essere il Messia lui e la donna non si parlano più. Ormai è stato detto tutto quello
    che c’era da dire tra di loro.
    5
    29″Venite a vedere un uomo che mi ha detto tutto quello che ho fatto. Che sia lui il Cristo?”.
    La samaritana dice ai suoi compaesani che quell’uomo conosceva tutto il suo passato. Questo viene portato
    come indice della conoscenza di Gesù delle cose. La donna non dice apertamente che si tratta del Messia.
    Lo insinua velatamente. Saranno i suoi compaesani a fare l’esperienza diretta di Gesù e della verità della
    sua parola.
    30Uscirono dalla città e andavano da lui.
    I samaritani credono alla parola della donna e vanno incontro a Gesù.
    31Intanto i discepoli lo pregavano: “Rabbì, mangia”. 32Ma egli rispose loro: “Io ho da mangiare un cibo che
    voi non conoscete”. 33E i discepoli si domandavano l’un l’altro: “Qualcuno gli ha forse portato da
    mangiare?”. 34Gesù disse loro: “Il mio cibo è fare la volontà di colui che mi ha mandato e compiere la sua
    opera.
    I discepoli con la loro sollecitudine danno a Gesù il pretesto per dare loro un insegnamento su cosa era
    avvenuto durante la loro mancanza. Gesù ha un solo nutrimento: la sua unione con il Padre. Il suo cibo è
    fare la volontà di colui che lo ha mandato e portare a compimento la sua opera. Nessun testo giovanneo
    esprime in modo così pregnante l’atteggiamento di Gesù nell’esercizio della sua missione. Egli è
    pienamente fedele a Colui che lo ha mandato. Fare la volontà del Padre non significa solo accettarla
    fiduciosamente, significa cooperare alla sua realizzazione. Ecco perché egli deve portare a compimento
    un’opera. Lo dirà anche alla vigilia della sua morte (Gv 17,4). In questo episodio della samaritana i discepoli
    sono invitati a riconoscere nel comportamento di Gesù un’appassionata tensione a condurre a buon fine la
    causa di Dio stesso, la quale consiste nel far giungere gli uomini alla fede che è la vita eterna: è questo che
    la riconciliazione dei samaritani con Israele simboleggia.
    35Voi non dite forse: “Ancora quattro mesi e poi viene la mietitura”? Ecco, io vi dico: alzate i vostri occhi e
    guardate i campi che già biondeggiano per la mietitura.
    Questa seconda parte del discorso di Gesù ai discepoli li coinvolge nella missione stessa del Padre e del
    Figlio. Anche loro sono chiamati ad essere missionari. I campi sono pronti per essere mietuti.
    36Chi miete riceve il salario e raccoglie frutto per la vita eterna, perché chi semina gioisca insieme a chi
    miete.
    Il mietitore riceve già la sua ricompensa, cioè il raccolto, il frutto stesso del suo lavoro. Egli riunifica, raduna
    il frutto: questa espressione sottintende la riunificazione tra il giudeo Gesù e i samaritani, la riunificazione
    dei fratelli separati. Questa riunione si ha per la vita eterna, il dono di Dio, l’acqua che zampilla per la vita
    eterna del v. 4,14. Il seminatore e il mietitore gioiscono insieme perché vedono il frutto delle loro fatiche.
    Questo discorso sulla mietitura sarebbe un simbolo della conversione dei samaritani. Il seminatore è Gesù
    che ha seminato da solo nel cuore della samaritana. I mietitori sono ancora Gesù e i discepoli che mietono
    quello che non hanno seminato. Già si incominciano a raccogliere i frutti.
    37In questo infatti si dimostra vero il proverbio: uno semina e l’altro miete. 38Io vi ho mandati a mietere
    ciò per cui non avete faticato; altri hanno faticato e voi siete subentrati nella loro fatica”.
    Ora vi è un cambiamento di prospettiva. Il seminatore e il mietitore che prima coincidevano ora diventano
    due personaggi differenti. Vi sarà un tempo in cui i discepoli raccoglieranno la messe seminata e coltivata
    con fatica da altri: Gesù e chi p venuto prima di lui (i profeti). Anche i discepoli saranno mandati a seminare
    la parola di Dio, ma essa non viene da loro, viene dal Seminatore, Gesù.
    39Molti Samaritani di quella città credettero in lui per la parola della donna, che testimoniava: “Mi ha
    detto tutto quello che ho fatto”.
    Come nel racconto riguardante i primi discepoli (Gv 1,36-41) la conoscenza di Gesù si fa grazie alla
    testimonianza di chi l’ha già conosciuto. Questo versetto si riaggancia a quello in cui avevamo lasciato la
    samaritana tornata al villaggio e introduce l’incontro di Gesù con i samaritani. Il verbo utilizzato è forte: la
    samaritana testimoniava, come Giovanni il Battista. La donna ha una funzione importante. Si arriva alla
    fede partendo da una testimonianza anche se è data da una donna senza alcuna autorità e addirittura
    appartenente a un gruppo scismatico. La fede della Chiesa continua a trasmettersi in questo modo. Frutto
    6
    di un incontro personale con Gesù, la testimonianza porta l’uditore ad «ascoltare» la parola per
    approfondire la fede che la testimonianza ha suscitato.
    40E quando i Samaritani giunsero da lui, lo pregavano di rimanere da loro ed egli rimase là due giorni.
    I samaritani si radunano attorno a Gesù e gli chiedono di fermarsi da loro. Sono le messi bianche che
    attendono di essere mietute.
    41Molti di più credettero per la sua parola 42e alla donna dicevano: “Non è più per i tuoi discorsi che noi
    crediamo, ma perché noi stessi abbiamo udito e sappiamo che questi è veramente il salvatore del
    mondo”.
    La donna ha ipotizzato il Messia in Gesù: i samaritani vanno da Gesù perché pensano di trovare colui che
    doveva venire e che aspettavano. Ascoltando Gesù i samaritani comprendono che quest’uomo è molto più
    di ciò che essi speravano. Essi ora sanno chi è: è il Salvatore del mondo. Queste parole sottolineano la
    riconciliazione dei samaritani con i giudei. Veramente essi comprendono che la “salvezza” viene dai giudei,
    vanno al di là del Messia che attendevano. Il mondo che viene salvato non è tanto il mondo malvagio,
    contro Dio che talvolta si incontra negli scritti di Giovanni. Qui il termine mondo indica il superamento delle
    barriere etniche. La salvezza di Gesù è davvero per tutti i popoli, anche se ha avuto inizio con l’esperienza
    dei giudei.
    Meditatio
  • Di che cosa ho sete? Dove vado a cercare acqua per calmare la mia sete?
  • Cos’è stato nella mia vita “il dono di Dio”? chi è per me Gesù Cristo?
  • Quali sono le persone che mi hanno annunciato Cristo, che mi hanno accompagnato fino ad aderire a Lui
    nella fede?
    Preghiamo
    (Colletta della III domenica di Quaresima – Anno A)
    O Dio, sorgente della vita, tu offri all’umanità riarsa dalla sete l’acqua viva della grazia che scaturisce dalla
    roccia, Cristo salvatore; concedi al tuo popolo il dono dello Spirito, perché sappia professare con forza la
    sua fede, e annunzi con gioia le meraviglie del tuo amore. Per il nostro Signore Gesù Cristo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...