mons.Roberto Brunelli “Un’acqua che non ha prezzo”

Un’acqua che non ha prezzo
mons. Roberto Brunelli

III Domenica di Quaresima (Anno A) (15/03/2020)

Visualizza Gv 4,5-42
L’acqua potabile, già ora drammaticamente scarsa in tanti paesi, anche nei più progrediti si rivelerà presto insufficiente alle richieste, e dunque costosa, e dunque un affare per chi ne avrà da vendere. Anche nella terra di Gesù l’acqua era un problema, e da sempre, tanto che avevano imparato a raccoglierla e conservarla in cisterne sotterranee, dove però stagnava e rischiava di imputridire; ovviamente, almeno da bere preferivano l’acqua “al naturale”, quella dei pozzi, delle sorgenti e dei fiumi, che in modo eloquente chiamavano “l’acqua viva”. Quest’acqua, nella sua dimensione fisica cui è attribuita una valenza spirituale, è al centro delle letture di oggi.

La prima (Esodo 17,3-7) presenta un episodio accaduto al popolo d’Israele, che Mosè ha guidato fuori dalla schiavitù dell’Egitto. Incapaci di comprendere il valore della libertà, sempre pronti a lagnarsi per ogni disagio e a proporre di tornare indietro, un giorno i liberati si lamentano per la mancanza di acqua. Mai stanco di sostenerli nel cammino verso la terra promessa, Dio gli fa trovare di che dissetarsi: l’acqua diventa così un segno dell’amorevole provvidenza divina.


 L’acqua torna nel vangelo (Giovanni 4,5-42), con un significato ancora più alto. Attraversando la Samaria, Gesù giunge con gli apostoli all’antico pozzo scavato dal patriarca Giacobbe. E’ mezzogiorno, stanchezza fame e sete si fanno sentire, si decide una sosta; mentre gli apostoli si recano a comperare cibo, una donna viene ad attingere al pozzo.

Una scena di vita quotidiana, che però subito si vivacizza, quando a quella donna Gesù chiede da bere. Lei stessa se ne meraviglia: “Come mai tu, che sei giudeo, chiedi da bere a me che sono una donna samaritana?” I giudei infatti disprezzavano i samaritani in quanto eretici, e se ne tenevano lontani. Inoltre un ebreo non avrebbe mai rivolto la parola a una donna in pubblico; per di più, come di lì a poco Gesù dimostrò di sapere, quella donna non era certo un modello di virtù (“Hai detto bene, ‘Non ho marito’; infatti hai avuto cinque mariti e quello che hai ora non è tuo marito”). Lei tenta di sviare lo scottante argomento, sollevando una delle controversie che dividevano i due popoli, sul luogo legittimo dove adorare Dio: per gli ebrei era il tempio di Gerusalemme, per i samaritani il vicino monte Garizim.


Gesù risponde al quesito, ma va ben oltre; superando ogni convenzione, egli parla a una donna, eretica, nemica e di vita dissoluta, e le dice cose che sino allora non aveva rivelato neppure ai suoi apostoli. Vuole catturare la sua attenzione; l’ha stupita manifestando di conoscere il suo passato, ma non la blandisce con parole ambigue: sulle divergenze religiose è chiaro e netto; la vera fede, dice, viene dai giudei; nel contempo, di quella fede manifesta il compimento che proprio lui è venuto a portare. E spiega: Primo, Dio è spirito, da adorare non in un luogo particolare ma dentro di noi. Secondo, lui, Gesù, è il Messia annunciato dai profeti, il rivelatore di Dio che è Padre. Terzo, egli porta a tutti “l’acqua viva” della fede piena e di un amore senza limiti. Quarto, chi accoglie questi doni avrà la vita eterna.


Altro che affare: un’acqua come quella non ha prezzo. Eppure Gesù la offre gratis, e persino a una donna che per i benpensanti di allora era l’ultima persona cui rivolgersi. Ancora una volta egli rovescia l’ottica terrena: rivela cose sublimi proprio a lei; benché lo attendano folle intere, egli non si preoccupa degli indici di ascolto e si intrattiene con una persona sola; anche un solo peccatore vale il suo interessamento. E’ consolante, perché allora ciascuno di noi, pur se non lo merita, può trarne una deduzione: il Signore si interessa anche a me, entra in dialogo con me, vuole il mio bene, ama anche e proprio me.

Fonte:https://www.qumran2.net/


Paolo Morocutti“Jahve risveglierà”

Marco 5,21-43 Domenica 27 giugno Il racconto di questa XIII domenica del tempo ordinario ci offre una delle testimonianze più drammatiche dell’intero Vangelo di Marco. La narrazione evangelica descrive la guarigione della figlia di uno dei capi della sinagoga. Marco, nel suo testo, menziona il nome dell’uomo; “Giairo”. Il nome probabilmente deriva dalla trascrizione greca dell’ebraico … Continua a leggere Paolo Morocutti“Jahve risveglierà”

don Fabio Rosini”Guarire per diventare il Mantello di Cristo”

XIII Domenica del Tempo Ordinario (Anno B)  (27/06/2021) Vangelo: Mc 5,21-43  Una bimba di dodici anni che sta morendo e una donna che da altrettanto tempo perde sangue. L’Evangelista Marco incrocia due storie: quella di una bambina che sta naufragando prima di diventare adulta e quella di una donna che ha una femminilità sanguinante; e nel frattempo … Continua a leggere don Fabio Rosini”Guarire per diventare il Mantello di Cristo”