don Mimmo”Il pozzo e la brocca”

Terza domenica di Quaresima

Non possiamo nascondere il sentimento con cui leggiamo il Vangelo di questa Domenica, la prima in cui non potremo celebrare insieme l’Eucaristia. Stiamo vivendo giorni segnati da un sentimento che è difficile definire perché alterna paura e speranza, smarrimento e desiderio di tornare alla normalità. Ma il Vangelo di questa Domenica forse può accendere una piccola luce in una vicenda che ci appare irreale. Mi permetto di proporvelo come una preziosa coincidenza. Perché non pensare che Dio ci parla anche attraverso le coincidenze? Uno scrittore americano, Frederick Buechner diceva che la coincidenza è il modo in cui Dio interviene restando anonimo. Perché parliamo di preziosa coincidenza? Perché il nostro sguardo è catturato da due immagini che possono raccontare quello che stiamo vivendo in questi giorni: il pozzo e la brocca. Il primo ci rimanda alla figura di Cristo, che come racconta il Vangelo “sedeva presso il pozzo”; la brocca ci rimanda alla donna che si reca ad attingere acqua nell’ora più calda del giorno. Oggi, siamo noi quella “samaritana” che con la sua brocca cerca un po’ d’acqua per calmare la sua sete. Sete di risposte alle tante domande che in questi giorni ci portiamo nel cuore, brocca che cerca di attingere un po’ di speranza per non lasciarsi schiacciare dalla paura, brocca che cerca di trovare una ragione a quello che ci sta accadendo. La scena raccontata dal Vangelo ci dice che quando la donna arriva al pozzo, su di esso era seduto Gesù. Chiudiamo gli occhi e immaginiamo la scena: mentre guardiamo il pozzo il nostro sguardo incrocia Colui che vi è seduto sopra. Quel pozzo non è più un pozzo: è lo stesso Gesù che apre il dialogo con quella donna. Con la sua domanda cerca di aprire una breccia nel cuore di colei che rassegnata e stanca, cerca solo di riempire una brocca per calmare la sua sete. La domanda iniziale di Gesù: «Dammi da bere» provoca la richiesta della Samaritana: «Signore, dammi quest’acqua, perché io non abbia più sete». All’inizio la donna si muove su un piano essenzialmente umano, e non potrebbe essere diversamente. Tuttavia resta a dialogare con quell’uomo perché affascinata dalle sue parole. Sembra che quelle parole la stanno aiutando a comprendere la sua situazione e ciò di cui ha veramente sete. E’ la sete di risposte alle tante domande che in questi giorni ci portiamo nel cuore. Cosa ci sta accadendo? Come dobbiamo interpretare questa situazione? Condizionerà il nostro futuro e i nostri progetti? Sono le tante domande alle quali non è facile rispondere. Ma forse il nostro sforzo dovrà essere quello di individuare la vera domanda, quella che ci aiuterà a non lasciarci piegare e a venirne fuori ancora più forti. Chi pensa di attribuire a Dio quello che stiamo vivendo, tirando in ballo il suo giudizio sul mondo farebbe bene a stare zitto e a non recare altro danno ad una fede già fragile. In questa Domenica, che resta nonostante tutto il Giorno del Signore, non celebreremo insieme l’Eucaristia. Forse un giorno ringrazieremo il Signore anche per questo digiuno perché la fame ci farà gustare di più quello che fino ad ora non abbiamo saputo apprezzare. Ma anche se non ci incontreremo, insieme possiamo posare lo sguardo su quel pozzo e quella brocca lasciandoci aiutare dal commento di un autore dei primi secoli. Egli scriveva della Samaritana: «Uscì portando la brocca, rientrò portando Dio». (Romano il Melode, Inno 19). Forse è quello che la fede ci chiede in questo momento: mettere la nostra brocca davanti a Dio e chiedere che sia Lui a riempirla, mettere davanti a Lui la nostra fragilità umanità e chiedergli di renderla più forte.

Buona Domenica alla nostra comunità!

don Mimmo

Fonte:http://www.parrocchiasacrocuorebari.it/


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...