DON MATTEO CASAROTTO

DON MATTEO CASAROTTO”Come cibo per la nostra fame”

Corpo e Sangue del Signore

Nutrire la vita

La vita va nutrita. Ogni volta che ci sediamo a tavola per prendere cibo, attestiamo la verità di questa semplice affermazione.

Ma come si nutre la vita? Già, perché la cosa non è così naturale. Non basta ingurgitare degli alimenti. Certo, questo sarebbe sufficiente per stare in piedi. Ma una vita umana è un’altra cosa.

Pensiamo al nostro prendere cibo. Non ci nutre solamente il mangiare: anche la preparazione e la cottura, anche il condividere il pasto con qualcuno ci alimentano. Ciò che ci sostiene allora non è solamente il cibo che portiamo alla bocca, ma anche – forse più ancora – le dinamiche che il cibo crea, tra noi e la realtà, tra noi e i nostri simili.

Siamo chiamati allora a prendere sul serio la nostra fame. Siamo esseri affamati, segnati dal bisogno di Altri da incontrare, addirittura da assimilare, e Dio solo sa cosa può riempire il vuoto che siamo. Perché «l’uomo non vive di solo pane, ma di quanto esce dalla bocca del Signore» (Deuteronomio 8,3).

Il cibo che è Gesù

Non a caso Gesù si presenta a noi come pane vivo da mangiare. Lui conosce la profondità della nostra fame, che talvolta fatichiamo a confessare pure a noi stessi. E si offre a noi perché la sua vita innervi la nostra.

Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui. Come il Padre, che ha la vita, ha mandato me e io vivo per il Padre, così anche colui che mangia me vivrà per me. (Giovanni 6,56-57)

La vita va nutrita alimentandoci all’esistenza umana e divina di Gesù, assimilandola e allo stesso tempo lasciandoci assimilare. Di questa dinamica l’Eucaristia che celebriamo ogni domenica è simbolo eloquente: nei segni del pane e del vino la pienezza di Gesù e la nostra fame s’incontrano misteriosamente. E per l’unico cibo un’unica vita lega noi al Signore, e noi gli uni gli altri.

Fonte:www.twittomelia.it


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: