Tonino Lasconi”Senza la gioia la testimonianza non è efficace”

Senza la gioia la testimonianza non è efficace
III Domenica di Avvento – Gaudete – Anno B – 2020

Anche oggi c’è in mezzo a noi “uno” che non conosciamo.

«In mezzo a voi sta uno che non conoscete», dice Giovanni Battista ai suoi interlocutori, parlando di Gesù del quale si dichiarava umilissimo precursore: «a lui io non sono degno di slegare il laccio del sandalo». Conosciamo bene il senso dell’affermazione del Battista e non ce lo stiamo a spiegare ancora. Invece, chiedendogli umilmente perdono, ci appropriamo del suo “in mezzo a voi sta uno che non conoscete” per rivolgerlo non ai farisei, ma alle persone che ci vivono accanto e che incontriamo per lavoro o per amicizia. Succede infatti che troppi non conoscano Gesù, se non di nome o in modo sbagliato e inadeguato. Da molto tempo questa “non conoscenza” di Gesù (anche tra i praticanti!) nonostante gli anni di catechismo, di prediche domenicali, di convegni e quant’altro, è stata denunciata. Ma la denuncia non è stata presa troppo sul serio, forse perché non se ne conosceva realmente la portata. Con l’arrivo dei social forse finalmente ci ricrederemo. Questi ultimi, infatti, se per i sapientoni e gli intellettuali “hanno dato la parola a legioni di imbecilli”, hanno offerto anche la possibilità di verificare come stanno veramente le cose tra la nostra gente, anche a proposito di Gesù, non riguardo a date, luoghi, feste, tradizioni… ma al suo messaggio, ciò che è indispensabile per una fede adulta e matura.

Le chiacchiere di questi giorni sul Natale, sulle Messe in streaming, sulle variazioni del Padre nostro… dimostrano quanto sia forte e urgente il bisogno di cristiani adulti e consapevoli, capaci di discernere l’essenziale dal marginale per quanto riguarda la fede in Gesù. Ecco perché, anche se il paragone è paradossale, dobbiamo essere consapevoli che ognuno di noi, con tutta l’umiltà possibile deve sentirsi “precursore”, potendo e dovendo dire di se stesso: «Lo spirito del Signore Dio è su di me, perché il Signore mi ha consacrato con l’unzione; mi ha mandato a portare il lieto annuncio ai miseri, a fasciare le piaghe dei cuori spezzati, a proclamare la libertà degli schiavi, la scarcerazione dei prigionieri, a promulgare l’anno di grazia del Signore». Che in parole più alla nostra portata vogliono dire che tutti siamo chiamati a essere voce e testimoni di Gesù come Giovanni Battista, «per dare testimonianza alla luce, perché tutti credano per mezzo di lui».

Quale testimonianza?

L’invito a una testimonianza più limpida ce lo ripetiamo da sempre, cercando umilmente di metterlo in pratica. La Parola di questa domenica ci stimola a verificare se per caso i risultati spesso scoraggianti di questo nostro impegno non dipendano dalla mancanza di un elemento: la gioia.

La prima e la seconda lettura, nonché il salmo (che è il canto di Maria: il Magnificat), risuonano di gioia. Il Servo di Dio gioisce pienamente nel Signore. Maria esulta in Dio. Paolo è ancora più esplicito: «siate sempre lieti». Ecco: la nostra testimonianza manca di gioia. Non la gioia da cercare nel weekend che non c’è nella vita di ogni giorno: il divertimento, lo stordimento, lo sballo; ma quella che va creata nella quotidianità, con il criterio che Paolo ci indica: «Vagliate ogni cosa e tenete ciò che è buono». È di questa gioia che noi cristiani oggi dobbiamo rivestire la nostra testimonianza. Avvicinandoci al Natale sentiremo sempre di più parlare della gioia che il Covid-19 ci ha negato: non potersi incontrare, non poter viaggiare, non poter… Non è che queste cose non manchino e non sia legittimo anche rimpiangerle, ma la testimonianza a noi stessi e agli altri dovrà essere quella di saper “essere sempre lieti” comunque, perché la gioia non la rimpiangiamo in ciò che ci manca, ma la creiamo in tutte le cose che possiamo fare e nel come farle.

Fonte:https://www.paoline.it/