Vai al contenuto

don Fabio Rosini”Nella tenda, pronti a partire”

Il Vangelo della II domenica dopo Natale

Nel prologo di Giovanni la Parola viene «ad abitare in mezzo a noi». L’espressione abitare sarebbe alla lettera: porre la tenda.

La tenda era strumento distintivo di un popolo di ceppo nomade che manteneva nel suo codex qualche traccia della sua remota origine errante.

Non è un caso se Gesù, appena nato, viene manifestato esclusivamente a due gruppi di persone peregrinanti, i Pastori e i Magi…

Questa estrazione nomade tramandava la duplice capacità di riuscire a fare casa dappertutto, senza mai dimenticare la dimensione precaria di ogni cosa.

Nella lettera a Diogneto queste due capacità vengono comprese come tipiche dei cristiani: «Vivono nella loro patria, ma come forestieri; partecipano a tutto come cittadini e da tutto sono distaccati come stranieri».

La pandemia ci ha inchiodati in casa costringendoci a misurarci anche troppo con la malattia e le notizie di morte. Fermi e precari, instabili pur se installati.

Queste situazioni sono state in realtà delle provvidenziali occasioni di crescita, come sempre.

Saper stare in un luogo ma peregrinare nello spirito, scoprendo i mille dettagli della realtà. Non si sta mai veramente fermi se non quando si rifiuta di lasciarsi cambiare e di maturare.

Ma torna utile considerare l’altro aspetto, quello precario e vulnerabile.

Forse si guarda qualcosa fino in fondo solo quando si è consapevoli di vederlo per l’ultima volta. Come il giorno che si dà l’ultimo sguardo ad una casa quando la si sta per lasciare definitivamente: allora si vedono le gioie vissute, i dolori e le occasioni sprecate, quando il tempo diviene visibile in un istante.

Questo sarebbe lo sguardo da dare ad ogni giorno della vita, perché ineluttabilmente lo lasciamo e non tornerà mai più. Il 2020, ad esempio, non tornerà mai più.

Se lo abbiamo vissuto come in una tenda, buon per noi.

Bisognava imparare a guardare tutto in modo profondo, per lasciarsi cambiare e non sciupare le occasioni per amare, che passano veloci. Stare nella tenda, pronti a partire.

di Don Fabio Rosini

Fonte:https://www.osservatoreromano.va/


<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: