P. Gaetano Piccolo S.J. Commento XXIII Domenica del Tempo Ordinario – Anno B

XXIII Domenica del Tempo Ordinario (Anno B) (05/09/2021)

Vangelo: Mc 7,31-37

«La nostra lode dev’essere gradita al nostro Dio,

le cui orecchie sono aperte non alla bocca ma al cuore,

non alla lingua ma alla vita di chi lo loda».

Sant’Agostino, Esposizione sul salmo 146,3

Spegnere tutto

L’espressione “non temete”, che questa domenica troviamo nel testo del profeta Isaia, ricorre più di cento volte nella Bibbia, come a dire che il Signore conosce le nostre paure, sa che abbiamo paura, e continuamente ci invita ad avere coraggio. A volte la paura ci porta a chiuderci. È la paura di non farcela, il timore di fallire. Le relazioni possono diventare pesanti, addirittura insostenibili. In particolare oggi, in un mondo iperconnesso, nel quale continuamente siamo costretti ad ascoltare parole che non ci aiutano, dove continuamente siamo sollecitati, interpellati, in un tempo in cui siamo sovraccaricati di immagini, di messaggi molte volte ripetitivi e strumentali, in questo mondo, appunto, ci viene voglia di spegnere tutto, di non ascoltare più nessuno. Ci capita d’altra parte anche di non sentirci capiti, ci accorgiamo a volte che le nostre parole sono state fraintese. E allora ci ritiriamo, rinunciando a vivere.

Rifiuto e aiuto

Direi che è un po’ questa la situazione che vive il protagonista del testo del Vangelo: un uomo muto e sordo, uno cioè che ha smesso di parlare e che non vuole più sentire. Una condizione nella quale anche noi ci possiamo facilmente rivedere. Come avviene in altre poche occasioni nei Vangeli, quest’uomo non va da Gesù di sua iniziativa, ma viene portato da altre persone. Chi sono? Forse quelli che non accettano il suo silenzio, forse coloro che non riescono a comunicare più con lui, forse anche coloro che sono infastiditi del suo mutismo. O forse è la comunità, la Chiesa, che si fa carico di quelle situazioni che impediscono ai figli di Dio di incontrare la Parola di Gesù.

Il bisogno di solitudine

Davanti a quest’uomo, Gesù compie un gesto che molto probabilmente avrà stupito coloro che lo hanno portato da lui: Gesù lo porta in disparte, quasi come se avesse intuito e accolto il suo bisogno di solitudine, di silenzio o forse semplicemente di una relazione autentica! Quante relazioni false viviamo ogni giorno: persone che non sono sincere, persone che cercano di approfittare della debolezza dell’altro, persone che cercano il proprio interesse, persone che ti cercano solo quando hanno bisogno. Forse quest’uomo si è ritirato perché non sopportava più un mondo di falsità. Gesù risponde a questa esigenza offrendogli una relazione personale e intima, compiendo dei gesti che esprimono una prossimità molto forte, un contatto profondo: mette le sue dita nelle orecchie di quest’uomo e gli tocca la lingua con la sua saliva. È un momento di silenzio nel quale risuona una sola parola: ‘apriti!’. È l’invito che Gesù rivolge a quest’uomo: apriti a questo mondo che ti spaventa, apriti alle relazioni che ti hanno deluso, apri il cuore a quella vita che hai rinunciato ad affrontare. La chiusura infatti non ci aiuta, non è la soluzione, per quanto la tentazione di non volerne più sapere sia sempre in agguato.

Correttezza

Quando finalmente quest’uomo torna ad aprirsi alle relazioni, Marco inserisce un dettaglio significativo: quest’uomo infatti non torna semplicemente a parlare, ma parla correttamente, come se l’evangelista volesse alludere a una scorrettezza, a un errore o un’incapacità di esprimersi in maniera adeguata. Potrebbe essere questo un motivo della sua chiusura? A volte infatti non riusciamo a comunicare adeguatamente quello che vogliamo trasmettere e davanti a questa nostra incapacità rinunciamo a comunicare. Difficile dire cosa significhi ‘parlare correttamente’, ma forse se cominciamo a essere onesti e coerenti, la nostra comunicazione ne guadagnerà, anche se chi ci ascolta non sempre sarà pronto e disposto ad ascoltare quello che vogliamo dire.

Segreto e rivelazione

Parlare correttamente implica anche una vicinanza sempre più profonda alla parola del Vangelo, tant’è vero che l’immagine descritta in questo brano è rifluita in uno dei gesti del sacramento del battesimo, con il quale il ministro prega affinché il battezzato possa presto ascoltare e proclamare la Parola di Dio. Ma come in questo passo del Vangelo, anche nella vita non basta ascoltare e proclamare la Parola di Dio per conoscere Gesù. È necessario attraversare con lui la Passione: solo lì potremo conoscerlo veramente. È questo il senso dell’invito di Gesù a non raccontare quel miracolo, perché non ci sono scorciatoie per diventare discepoli. Nel Vangelo di Marco la rivelazione dell’identità di Gesù è possibile solo quando lo vedremo rinnegato e prigioniero per seguirlo e contemplarlo sulla croce.

Leggersi dentro

– Quanto spazio dai all’ascolto della Parola di Dio? E al suo annuncio?

– Quali sono i motivi che a volte ti portano a chiuderti in te stesso?

P. Gaetano Piccolo S.I.

Compagnia di Gesù (Societas Iesu)

Fonte:http://www.clerus.va/