PANE PaneQuotidiano Senza categoria

#PANEQUOTIDIANO, «NON SI ALLONTANAVA MAI DAL TEMPIO, SERVENDO DIO NOTTE E GIORNO CON DIGIUNI E PREGHIERE»

Giorno liturgico: 23 Luglio: Santa Brigida, religiosa, patrona d’Europa Commento:Rev. D. Joan Ant. MATEO i García Testo del Vangelo (Lc 2,36-38):



In quel tempo, c’era anche una profetessa, Anna, figlia di Fanuèle, della tribù di Aser. Era molto avanzata in età, aveva vissuto con il marito sette anni dopo il suo matrimonio, era poi rimasta vedova e ora aveva ottantaquattro anni. Non si allontanava mai dal tempio, servendo Dio notte e giorno con digiuni e preghiere. Sopraggiunta in quel momento, si mise anche lei a lodare Dio e parlava del bambino a quanti aspettavano la redenzione di Gerusalemme.

«Non si allontanava mai dal tempio, servendo Dio notte e giorno con digiuni e preghiere»
Rev. D. Joan Ant. MATEO i García 
(La Fuliola, Lleida, Spagna)

Oggi, celebriamo la festa di Santa Brigida. Una calorosa mattina del 23 luglio 1373, a Roma, mentre Pietro di Alvastra celebrava la Messa nella sua cella, Brigida rendeva la sua anima al suo Signore, mentre borbottava: «Signore, nelle tue mani consegno il mio spirito», nello stesso momento il sacerdote ha sollevato l’Ostia.

Aveva 70 anni e concludeva una vita di fedeltà alla volontà di Dio, allo stesso modo come lo aveva fatto la profetessa Anna, figlia di Fanuele: «era molto vecchia; dopo sette anni di matrimonio era rimasta vedova ed a quel tempo aveva ottantaquattro anni. Ella non s’allontanava mai dal tempio, dove rimaneva giorno e notte, adorando Dio, pregando e spesso digiunando» (Lc 2,36-37).

La vita di Santa Brigida è affascinante: figlia, moglie, madre di otto figli, vedova, principessa e consigliere del re, religiosa, fondatrice … E soprattutto, moglie amata da Gesù alla cui affidò segreti celestiali e la addentró nell’l’amore rivelato nella Sua Passione. Giovanni Paolo II la ha elencato tra le Patrone d’Europa. Come Anna, Brigida servì il Signore nello stato sposato e vedovo. Come Anna, era in attesa del Signore giorno e notte.

Dio gli si era manifestato e lei accolse docilmente il designo divino nella sua vita. Fu uno strumento fedele che ebbe una forte influenza nel rinnovamento dell’Europa del suo tempo. Tutto un esempio attuale per noi. Anche noi aspettiamo che l’Europa sia liberata delle sue schiavitù e venga riflussato il sangue cristiano. Dio conta su di noi per farlo. Se siamo strumenti fedeli, Lui fare grandi cose per mezzo di noi. Ascoltiamo la voce di Dio nel silenzio e nella preghiera. Digiuniamo di tante cose superflue e inutili. Che il Signore sia la nostra ricchezza. E non perdiamo mai l’illusione di amare Dio e crescere nella santità.

«Sii benedetto, Signor mio Gesù Cristo, per aver redento le anime col tuo sangue prezioso e con la tua santissima morte, e per averle misericordiosamente ricondotte dall’esilio alla vita eterna» (Santa Brígida).

don Luciano Sanvito
84 anni, e non sentirli…

… ANNA, 84 ANNI, NOTTE E GIORNO NEL TEMPIO A PREGARE DIO
…Sta di fatto che questo esempio dell’attesa della venuta di Gesù viene proprio da chi sta per morire.
Come se l’accesso alla morte, vissuto con fede, è accenno all’alba della vita spirituale e permette di incontrare il germe del Regno.
Ad essa, come a Simeone, viene rivelato il segno del Cristo attraverso il bambino Gesù.
Ad essa, immagine della Chiesa, viene affidata l’attesa orante come realtà prima e orientativa di tutte le attività della vita.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: