DALLA «IMITAZIONE DI CRISTO»L’UOMO UMILE E PACIFICO

Dalla «Imitazione di Cristo»
(Lib. 2, capp. 2-3)
L’uomo umile e pacifico

    Non fare gran caso se uno è per te o contro di te, ma preoccupati piuttosto che Dio sia con te in tutto quel che fai.
    Abbi buona coscienza e Dio saprà ben difenderti. Nessuna perversità
umana potrà nuocere a colui che Dio vorrà aiutare.
    Se tu sai tacere e sopportare, sperimenterai senza dubbio l’aiuto del Signore.
    Egli conosce bene il tempo e il modo di liberarti, e perciò devi rassegnarti alla sua volontà.
    Spetta a Dio aiutare e liberare da ogni situazione difficile.
    Spesso giova assai, per meglio conservare l’umiltà, che gli altri conoscano i nostri difetti e li riprendano.
    Quando uno si umilia per i suoi difetti, placa facilmente gli altri e dà soddisfazione a coloro che gli sono ostili.
    Dio protegge e libera l’umile, lo ama e lo consola; egli si china verso l’umile, gli elargisce grazia abbondante e dopo l’umiliazione lo innalza alla gloria.
    Egli rivela all’umile i suoi segreti e dolcemente lo attrae e l’invita a sé.
    L’umile, quando ha ricevuta un’umiliazione, rimane bene in pace, perché sta fisso in Dio e non nel mondo.
    Non credere di aver fatto alcun progresso se non ti ritieni inferiore a tutti.
    Mantieni anzitutto in pace te stesso e così potrai pacificare gli altri. L’uomo operatore di pace giova più dell’uomo dotto.
    L’uomo passionale trae al male anche il bene e facilmente crede al male.
    L’uomo buono e sereno volge tutto a bene.
    Chi è veramente in pace non sospetta di nessuno; chi invece è malcontento e inquieto è agitato da molti sospetti: né lui è in pace, né lascia in pace gli altri.
    Spesso dice quel che non dovrebbe e omette quel che gli converrebbe fare. Egli bada a quel che gli altri devono fare e trascura invece quel ch’è suo dovere.
    Sii dunque zelante prima con te stesso e così potrai essere zelante anche con il tuo prossimo.
    Tu sai bene scusare e colorire le tue azioni, ma non vuoi accettare le scuse degli altri.
    Sarebbe più giusto che tu accusassi te stesso e scusassi il tuo fratello.
    Se vuoi essere sopportato, sopporta anche tu gli altri.