SAN BRUNO MONACO MEDITAZIONE XVI Domenica del Tempo Ordinario (Anno C)

XV Domenica del Tempo Ordinario (Anno C)  (10/07/2022)

Vangelo: Lc 10,25-37 

Solo coloro che ne hanno fatto personalmente l’esperienza conoscono l’utilità e la gioia divina che la solitudine e il silenzio del deserto portano a coloro che li amano. Là infatti gli uomini forti possono raccogliersi come desiderano, rimanere con se stessi, coltivare assiduamente i germi della virtù, nutrirsi con gioia dei frutti del paradiso. Là ci si sforza di acquisire l’occhio il cui sguardo trafigge d’amore lo Sposo divino, e la purezza del quale concede di vedere Dio. Là, dove ci si consacra ad un piacere pieno, e dove ci si ferma in un’azione tranquilla. Là Dio concede ai suoi atleti, per la fatica della lotta, la ricompensa desiderata: una pace che il mondo ignora, e la gioia nello Spirito Santo. Questa è la parte migliore, che Maria ha scelto e che non le sarà tolta. Come vorrei, fratello carissimo, che tu ardessi di amore divino. Che questa carità venisse ad abitare il tuo cuore, e che ben presto la gloria del mondo, seduttrice ingannevole, ti apparisse miserabile. Tu rifiuteresti allora con facilità le ricchezze, la preoccupazione delle quali ti appesantisce l’anima. Che cosa vi è infatti di più contrario alla ragione, alla giustizia, alla natura stessa che preferire la creatura al Creatore e perseguire valori deperibili piuttosto che beni eterni? L’amore di Dio è tanto più utile quanto più giusto. Che cosa vi è di più giusto e di più utile, di più innato, di più conveniente per l’uomo che amare ciò che è bene? E che cosa vi è di più buono di Dio stesso? Più ancora, vi è un altro bene, se non Dio? Così l’anima santa che ha qualche sentimento di questo bene, del suo splendore, della sua lucentezza senza paragoni, arde di
amore celeste e grida: “L’anima mia ha sete di Dio, del Dio vivente: quando verrò e vedrò il volto di Dio?”.
SAN BRUNO


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: